Home :: News
IL NUOVO REGOLAMENTO UNICO DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI DEL VALDARNO ARETINO
Il Regolamento approvato dall'assemblea dei primi cittadini dei 10 comuni valdarnesi, passa ora all'approvazione dei singoli Consigli Comunali prima di poter essere definitivamente operativo. Si tratta di un risultato veramente importante di grande valore sociale e politico per il nostro territorio, perché per la prima volta in tutto il Valdarno ci sarà un regolamento unico, con criteri uniformi in tutti i comuni, con la stessa modulistica e operatività nel segno dell'uguaglianza tra tutti i cittadini. Per questi motivi, proprio mentre tutti i comuni si stanno muovendo in un'ottica di unione e di uniformità, il regolamento assume anche una sua forte importanza politico-amministrativa. Ma vediamo da vicino quali sono i cardini del nuovo regolamento, che opererà attraverso strumenti di lavoro unici all'interno dei vari servizi sociali dei comuni e sarà in grado di offrire un'uniforme qualità di erogazione delle varie prestazioni. La metodologia seguita dal gruppo di lavoro della Conferenza dei Sindaci è stata quella delle esperienze vissute nei vari territori in questi anni con i coinvolgimento delle assistenti sociali che hanno operato a stretto contatto con gli utenti. L'altro aspetto fondamentale è stata la forte concertazione e partecipazione di soggetti del territorio portatori di interessi in questo settore, come i sindacati, il terzo settore, il volontariato, le associazioni, i rappresentanti del mondo produttivo, il tavolo sull'handicap. Sotto questo aspetto è stato di fondamentale importanza il valore del confronto e della concertazione non solo come programmazione e verifica delle attività svolte, ma anche come luogo di proposta. I comuni, nella parte relativa ai principi generali con questo regolamento riaffermano la centralità della persona, tenendo conto della complessità dei bisogni dei singoli e delle famiglie e si impegnano a dare risposte integrate e multi-disciplinari, garantendo l'accesso dei cittadini agli interventi e ai servizi sociali, gratuiti o con compartecipazione al loro costo, nel rispetto dei principi di universalità, non discriminazione e peculiarità dei bisogni. I comuni promuovono il diritto all'informazione, all'orientamento e all'accompagnamento dei cittadini nel pieno rispetto del principio di cittadinanza sociale, con lo scopo di rimuovere gli ostacoli alla fruizione degli interventi e dei servizi e di garantirne la loro piena accessibilità. I comuni con questo regolamento si impegnano affinché i servizi, le prestazioni, i disciplinari e i protocolli da esso previsti, siano  strumenti uniformi di lavoro per tutta la zona sociosanitaria. Il regolamento regola gli interventi di sostegno economico, quelli a favore dei minori, i servizi a sostegno della domiciliarità, la frequenza, l'ospitalità, l'affidamento in strutture semi-residenziali o residenziali, l'iter per l'accesso e l'erogazione degli interventi e dei servizi. Inoltre uniforma anche tutta la modulistica di accesso ai servizi. Il regolamento è composto da 39 articoli che hanno sempre al centro la persona come entità portatrice di diritti e di bisogni. Per questo ci si muove verso una personalizzazione degli interventi. Nel caso di più interventi verso la singola persona, compiuti anche da enti diversi, si è deciso di seguire la strada della predisposizione di disciplinari tra gli enti stessi, per evitare problemi al singolo soggetto. Vengono inoltre individuate delle tariffe uniche per le prestazioni effettuate in tutto il Valdarno e nel caso di tariffe agevolate vengono definite le modalità di intervento da parte dei servizi sociali. Nel caso in cui si abbia una compartecipazione alla spesa dell'utente è prevista la personalizzazione dell'importo dovuto. Un altro istituto molto importante richiamato dal regolamento riguarda la trasparenza e la rendicontazione degli interventi in modo uniforme e l'identificazione di modelli di verifica dell'appropriatezza degli interventi sociali effettuati. Vengono anche attivati e rafforzati dei controlli sia da parte delle strutture proprie degli enti, sia con l'intervento della Guardia di Finanza. Una volta approvato con identica formulazione dai dieci comuni della zona sociosanitaria del Valdarno, il regolamento disciplinerà le attività che ogni singolo comune esplica nell'ambito delle funzioni e dei compiti di assistenza sociale e di lotta all'esclusione sociale. Un risultato veramente importante per il nostro territorio.
 
 
Cerca nel sito

Anno precedente Mese precedente Luglio 2019 Mese successivo Anno successivo
Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
 1  2  3  4  5  6  7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31

Data ultimo aggiornamento: 25/01/2019
Versione 2.0  ( AFC 2007.01 )
Valid XHTML 1.0 Strict  Level Double-A conformance icon, 
          W3C-WAI Web Content Accessibility Guidelines 1.0